Francesca Siclari

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Dopo aver studiato medicina all’Università di Ginevra, Francesca Siclari si è specializzata in neurologia presso il CHUV e in medicina del sonno ed elettroencefalografia presso l’Ospedale universitario di Zurigo. Tra il 2011 e il 2014 ha lavorato come ricercatrice presso il Center for Sleep and Consciousness dell’Università del Wisconsin, USA, dove ha studiato il sogno come forma di coscienza durante il sonno. È entrata a far parte del CIRS (Centre d’investigation et de recherche sur le sommeil di Losanna) come responsabile della clinica nel 2014.

Francesca Siclari è interessata allo studio dei sogni e degli stati alterati di coscienza che si verificano in alcuni disturbi del sonno come, ad esempio, le parasonnie o la narcolessia.

Tutte le pubblicazioni di Francesca Siclari sono consultabili nella banca dati Unisciences dell’Università di Losanna.

Ha partecipato a

Giulio Bernardi

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Giulio Bernardi è ricercatore in Neuroscienze Cognitive presso la Scuola IMT Alti Studi di Lucca. Medico di formazione, ha ottenuto il dottorato in Neuroscienze presso l’Università di Pisa e ha lavorato presso centri di ricerca negli Stati Uniti e in Svizzera. La sua attuale attività di ricerca si concentra sullo studio delle interazioni reciproche tra veglia e sonno, indagando in particolare come il sonno è influenzato e, a sua volta, influenza, l’efficienza cognitiva, l’apprendimento, la memoria e la regolazione emotiva. Nel 2020 ha ottenuto un ERC Starting Grant, finanziamento europeo per giovani ricercatori, con lo scopo di esplorare nuove metodiche per la modulazione non invasiva del sonno e dei sogni.

Ha partecipato a

Luigi Gallimberti

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Luigi Gallimberti ha dedicato gran parte della sua carriera ad approfondire il rapporto esistente tra encefalo e mente nel campo delle addiction.

Medico psichiatra, tossicologo clinico, psicoterapeuta ad indirizzo psicoanalitico, ha lavorato intensamente sia in campo clinico sia di ricerca. Da sempre convinto che l’addiction fosse originata da una disfunzione neurologica e da una mentale tra loro integrate è riuscito a dimostrare la validità di tale ipotesi solo negli anni recenti.

La vera “rivoluzione”, infatti, è avvenuta con l’impiego della stimolazione magnetica transcranica ripetitiva nel trattamento della dipendenza da cocaina. Partendo dagli studi di Karl Deisserroth e Antonello Bonci ha replicato con successo sugli umani quello che, scientificamente, era stato sperimentato nei ratti.

Dal 2015 al 2018 il team di Gallimberti ha trattato oltre 500 pazienti dipendenti da cocaina. I risultati ottenuti hanno attirato l’attenzione della comunità scientifica e sono oggetto di pubblicazioni su riviste peer review. Nel settembre 2018 ha pubblicato, con Antonello Bonci, per le edizioni Rizzoli Mondadori, “La fabbrica della luce. Dipendenza da cocaina: come sconfiggerla”, libro nel quale vengono descritte le varie fasi di questa affascinante scoperta che è riuscita a coniugare in una visione integrata il ruolo svolto dall’encefalo e dalla mente nell’insorgenza di tali patologie.

Ha partecipato a

Claudio Bassetti

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Claudio Bassetti was born and raised in Ticino, is married and father of three boys.

He received his MD degree from the University of Basel in 1984. He trained in neurology in Bern and Lausanne and performed research fellowships in basic neurophysiology (Basel) and sleep medicine (Ann Arbor, USA). In 2000 he was appointed professor of neurology at the University of Zurich. In 2009 he founded the Neurocenter of Southern Switzerland which he directed for 3 years. Since 2012 he is full professor of neurology at the University of Bern and director of the neurology department at Inselspital.

Bassetti authored over 400 scientific publications and eight books. He pioneered the research on the bidirectional relationship between, sleep, sleep disorders and stroke using both a human and animal/experimental approaches. He made also fundamental contributions to our understanding of narcolepsy, including the recent discovery of specific autoreactive-T lymphocytes supporting the hypothesis of an autoimmune etiology.

He served as president of the European Neurological Society, European Sleep Research Society and Swiss Neurological Society and was the founder of the Swiss Federation of Clinical Neurosocieties. In 2018 he became an elected member of the Swiss Academy of Medical Sciences. He currently serves as president of the European Academy of Neurology and as the Dean of the Medical Faculty in Bern.

Ha partecipato a

Mirko Steiner

   Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Psicologo e psicoterapeuta FSP, si specializza nel campo della tossicodipendenza. Ha un’esperienza decennale in psichiatria ambulatoriale e in un ospedale psichiatrico.

Da 25 anni dirige il Centro terapeutico Villa Argentina, che “accoglie un’utenza maggiorenne ed eterogenea con problemi di dipendenza da sostanze legali o illegali e con problematiche di doppia diagnosi. Vengono inoltre seguite persone che presentano patologie legate a disagi e sofferenze psichiche o a disturbi alimentari.”

Oltre alla sua funzione di direttore del centro, si dedica a consulenze individuali in qualità di psicoterapeuta, ed è docente della scuola sanitaria e della Supsi. È da 12 anni membro della Commissione Esperti del CdS.

Ha partecipato a

Enzo Soresi

   Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Anatomo patologo,  pneumologo, oncologo clinico. Primario emerito di pneumologia presso l’ospedale Ca’ Granda, Niguarda. Saggista, autore de Il cervello anarchico (Utet), di Come ringiovanire invecchiando (Utet) e, in collaborazione con Pierangelo Garzia, Mitocondrio mon amour (Utet).

Ha partecipato a

Paolo Sassone-Corsi

   Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Biologo specializzato in genetica molecolare. Nel 1979 si è trasferito prima a Strasburgo e poi negli Stati Uniti, dove è diventato direttore del “Center for Epigenetics and Metabolism” dell’Università della California Irvine.

Ha vinto la Gold Medal dell’European Molecular Biology Organization nel 1994; è membro esterno del Max Planck Institute e fellow dell’America Association for the Advancement of Science. Ha vinto la medaglia d’argento del Centre national de la recherche scientifique nel 2004, il Premio Bettencourt per la Ricerca Medica e il premio Fondazione IPSEN di Endocrinologia.

Per tanti anni ha lavorato sui ritmi circadiani e sull’epigenetica.

Insieme allo scrittore Erri De Luca ha pubblicato Ti sembra il Caso?, un dialogo sul DNA e sul ruolo del caso.

Ha partecipato a

Massimiliano Sassoli de’ Bianchi

   Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Ricercatore presso il Center Leo Apostel for Interdisciplinary Studies (CLEA) della Vrije Universiteit Brussel (VUB), in Belgio, e direttore del Laboratorio di Autoricerca di Base (LAB) a Lugano, in Svizzera. I suoi interessi di ricerca vertono sui fondamenti delle teorie fisiche, la meccanica quantistica, la quantum cognition e lo studio della coscienza (ricerca interiore). Nel 2017, è stato uno degli organizzatori del simposio internazionale Worlds of Entanglement, tenutosi presso la VUB. È membro a vita dell’American Physical Society, membro dell’American Association of Physics Teachers, della Society for Scientific Exploration, dell’International Quantum Structure Association e dell’International Network on Foundations of Quantum Mechanics and Quantum Information. È inoltre presidente della società Area 302 e membro del comitato scientifico di BrainCircle Lugano.

Ha partecipato a